Lavorare durante gli studi

Nel corso dei loro studi universitari gli studenti stranieri possono lavorare fino a un massimo di 15 ore settimanali, nelle vacanze semestrali fino al 100%. In ogni caso l’attività va notificata all’autorità competente in materia di migrazione. Gli studenti provenienti da un paese esterno all’area Ue/AELS possono iniziare un’attività lavorativa solo dopo che sono trascorsi almeno sei mesi dall’inizio dei loro studi universitari. In questi casi il datore di lavoro deve presentare un’apposita domanda di assunzione di impiego per rendere possibile una verifica del mercato del lavoro. In seguito l’autorità competente in materia di migrazione potrà rilasciare un permesso di lavoro.

Il lavoro si può cercare tramite inserzioni nei giornali, su siti Internet generali per la ricerca di un impiego, tramite gli studenti dell’università o l’università stessa. Riportiamo qui di seguito gli indirizzi Internet delle singole scuole universitarie e altri link utili:

Svizzera: students.ch

Lavorare dopo gli studi universitari

Chi ha concluso gli studi presso una scuola universitaria ma non desidera un impiego in ambito universitario può consultare le offerte di impiego pubblicate sui quotidiani, nelle riviste specializzate, nelle pubblicazioni delle associazioni e nelle rispettive pagine Internet. Ulteriori suggerimenti e link si trovano presso i centri di orientamento professionale all’indirizzo http://www.orientamento.ch/ → Perfezionamento → Ricerca del posto di lavoro.

EPFL Graduates/Alumni: JobsForBrains

Lavorare per l’università

Non essendoci una banca dati centrale dei posti vacanti presso le scuole universitarie, occorre eseguire una ricerca mirata. Su EURAXESS SWITZERLAND si può trovare un riepilogo degli indirizzi Internet diretti. Se non si ha successo su questo sito, ci si può rivolgere allo specifico Istituto, Dipartimento o Seminario della scuola universitaria desiderata.