Main Content

L'iniziativa di limitazione danneggia l'istruzione, la ricerca e l'innovazione

Le scuole universitarie svizzere e le organizzazioni che promuovono la ricerca e l'innovazione rifiutano l'iniziativa popolare "Per un'immigrazione moderata". L'iniziativa mette a repentaglio le condizioni quadro fondamentali della Svizzera come centro di pensiero e di lavoro. L'accettazione di questa iniziativa comporterebbe la cessazione della libera circolazione delle persone e quindi anche la fine dell'accordo di ricerca con l'UE. Per raggiungere l'eccellenza, gli attori svizzeri nel campo della formazione, della ricerca e dell'innovazione (ERI) dipendono dalla libera circolazione delle persone e da una stretta collaborazione internazionale.

Il Consiglio dei PF, le scuole universitarie svizzere, il Fondo nazionale svizzero, Innosuisse e le Accademie svizzere delle scienze naturali respingono l'iniziativa di limitazione. Per commentare l'iniziativa di limitazione e l'importanza della cooperazione europea in materia di ricerca, oggi hanno invitato a partecipare ad un "point de press" congiunto.

La Svizzera come centro di formazione e di ricerca dipende dalla libera circolazione delle persone

L'iniziativa di limitazione, che sarà votata il 27 settembre 2020, mira a porre fine alla libera circolazione delle persone e quindi ai collaudati accordi bilaterali con l'UE. L'impatto sulla formazione, la ricerca e l'innovazione in Svizzera sarebbe enorme. Gli attori dell'ERI dipendono dalla libera circolazione delle persone. Per essere tra i migliori a livello internazionale, hanno bisogno dei migliori ricercatori della Svizzera e dell'estero. Sono loro che cercano i vaccini contro il virus corona, o che stanno armeggiando con l'attrezzatura in modo che i paraplegici possano tornare a salire le scale. Senza la libera circolazione delle persone, l'accesso della Svizzera alle menti brillanti e alle buone idee dell'UE sarebbe enormemente ostacolato.

L'iniziativa di limitazione mette in pericolo la partecipazione svizzera ai programmi di ricerca dell'UE

Se l'iniziativa cap verrà adottata, decadrà anche l'accordo di ricerca con l'UE. Le conseguenze per la Svizzera come sede della ricerca e dell'innovazione, e quindi anche per i posti di lavoro nel nostro paese, sarebbero devastanti. Molto know-how, una rete internazionale insostituibile e la concorrenza con i migliori al mondo andrebbero persi. La maggior parte della ricerca oggi è internazionale - sia nel campo del cambiamento climatico, sul cancro, dell'energia o dell'attuale pandemia. Le università e gli istituti di ricerca dell'UE sono i partner più importanti della scienza svizzera, molto più avanti degli USA o dell'Asia. I programmi di ricerca dell'UE offrono anche un'opportunità unica per la cooperazione internazionale tra università, industria e PMI.

Non deve ripetersi la situazione come dopo l'adozione dell'iniziativa sull'immigrazione di massa.

Gli attori del BFI hanno già sperimentato i primi segni di cosa significherebbe accettare l'iniziativa di limitazione sei anni fa. In seguito all'adozione dell'iniziativa sull'immigrazione di massa, la Svizzera è stata prima completamente e poi parzialmente esclusa dai programmi di ricerca dell'UE. In seguito i ricercatori svizzeri sono stati coinvolti in un numero nettamente inferiore di progetti internazionali e hanno ricevuto meno fondi dall'UE. Inoltre, l'attrattiva della Svizzera come centro di conoscenza a livello internazionale è diminuita. I danni alla scienza svizzera sono stati molto gravi e gli effetti si fanno sentire ancora oggi. Una situazione del genere non deve ripetersi in nessun caso. Per questo motivo i rappresentantidell'ERI dicono no all'iniziativa di limitazione.

Yves Flückiger, presidente swissuniversities: "Il futuro della Svizzera è strettamente legato a quello dell'Europa scientifica. Per mantenere la qualità delle università e della formazione e garantire il benessere della popolazione svizzera, le università svizzere raccomandano di respingere l'iniziativa".

Michael Hengartner, presidente del Consiglio dei PF: "L'iniziativa di delimitazione mette in pericolo l'accesso ai programmi quadro di ricerca europei e al pool di talenti europei. Ciò sarebbe devastante per il settore dei PF. »

Angelika Kalt, direttore del Fondo Nazionale Svizzero: "Solo se i migliori team di ricerca europei lavorano insieme in modo rapido e proficuo possiamo affrontare le sfide globali come il cambiamento climatico".

Claudia Appenzeller, segretaria generale delle Accademie svizzere delle scienze: "I progetti di collaborazione richiedono partner di cooperazione di università, PMI e/o industria che abbiano un obiettivo comune. Queste diverse prospettive non possono essere affrontate solo in Svizzera. Ecco perché i programmi quadro di ricerca dell'UE sono una opportunità da non perdere»

André Kudelski, presidente di Innosuisse: "I programmi di cooperazione a livello europeo sono importanti per la competitività delle imprese svizzere. Dal punto di vista della promozione dell'innovazione, c'è quindi anche un grande interesse per la futura partecipazione a pieno titolo della Svizzera".

 

La documentazione (in alto a destra) contiene tutte le pubblicazioni, le posizioni e i documenti di swissuniversities.